I nomadi del vento - Michele Pero, fotografo professionista: fotogiornalismo e reportage per l'editoria
 
Michele Pero, fotografo professionista. Specializzato in fotografia di matrimonio e cerimonia, reportage, riproduzioni d'arte e fotografia pubblicitaria

I nomadi del vento

Partono dall'Africa, ogni anno a primavera. Volano per migliaia di chilometri sopra le foreste africane, sopra il Sahara, attraversano il Mediterraneo per giungere nelle aree di riproduzione in tutta Europa, fino all'estremo nord del continente. Un viaggio massacrante e incredibile. Affascinante al tempo stesso.
Perché gli uccelli migrano? Una domanda enorme per risposte che sono ancora tutte da svelare.
Il progetto Piccole Isole, coordinato da Fernando Spina, direttore del progetto, assieme al "the Animal Migration project" coordinato dai governi europei, sono importantissimi terreni di ricerca per i biologi impegnati sul campo.
Con le reti disposte lungo i fianchi delle colline, i piccoli uccelli vengono catturati, classificati, studiati, inanellati e poi rilasciati per continuare il loro viaggio.
La traversata del Sahara e del mar Mediterraneo non ammette errori: chi si stanca è perduto. Le piccole isole del Mediterraneo sono i pochi ecosistemi che permettono agli uccellini di riprendere le forze nella traversata del mare. Piccole aree dove poter atterrare e riprendersi anche per poche ore prima di riprendere il volo.
Nelle isole di Ponza e Ventotene, i ricercatori Leonida Fusani e Wolfgang Goymann studiano i piccoli volatili nel loro progetto "Restare o ripartire?" per cercare di comprendere cosa spinge un uccellino a ripartire per la sua meta.
Questa intensa attività di studio e inanellamento, che va avanti da oltre vent'anni, è fondamentale per comprendere le migrazioni. Ma soprattutto è importantissima per capire quali azioni devono essere intraprese per proteggere gli ambienti e gli ecosistemi necessari al viaggio degli uccellini. Fattori indispensabili a che questa migrazione che si perde nella notte dei tempi possa continuare.


Vai alle altre pagine di questa sezione:

<< Torna a Reportage